In Verità

In Verità

mercoledì 28 settembre 2016

L'evergreen demagogico-mafioso del Ponte sullo Stretto

©Pietro Vanessi www.unavignettadipv.it

In fondo è così, il ponte sullo stretto di Messina è una chimera. Lo è sempre stata dai tempi dei Borboni, passando per il fascismo, il boom degli anni 60 fino ai deliri di Silvio. Noi non ce ne accorgiamo ma il ponte già esiste; non è lì, non è mai stato realizzato (e mai si farà) ma è nel nostro immaginario come una mastodontica minaccia spacciata per “grande opera”, una ctonia promessa onnipresente, una costruzione fantastica che alimenta a intervalli regolari la perversa immaginazione demagogica dell’incapace al governo di turno.
Il ponte sullo stretto non è diverso da bestie mitologiche di cui si tenta di accertare l’esistenza: gli alieni, il Bigfoot, il Chupacapra, Brunetta sveglio in aula, Razzi che azzecca un congiuntivo e così via. Continua a leggere su Postik


domenica 25 settembre 2016

Una settimana da Hacker e olimpiadi saltate

Foto by © kevvn-deactivated fonte #lasettimanadimerda
Marco Terribili


      
     Yahoo esce allo scoperto e ammette che un attacco informatico potrebbe aver violato i dati di quasi 500 milioni di suoi utenti. I fatti risalgono alla fine del 2014 ma sono stati resi noti solo ora per non “turbare” la vendita di Yahoo a Verizon, colosso statunitense delle telecomunicazioni. Il profilo violato finora più eclatante è sicuramente quello di Michelle Obama: gli hacker hanno condiviso la copia scannerizzata del passaporto della first lady. Continua a leggere su Postik 

venerdì 23 settembre 2016

Renzi e l'Italia che brutta storia d'amore


Ma tra Matteo e l’Italia le cose non vanno: lei è troppo stanca, delusa, violentata e segnata per reagire e lui ha ancora tanto, troppo, da strapparle dal cuore.
Forse arriverà il giorno in cui la vampirizzazione non produrrà più alimento e finalmente ci sentiremo dire dal Draculetto tozzo di turno: “perdonami ti prego, spero riuscirai a farlo. Ma – credimi – per prima ho illuso me stesso, poi te e infine noi. Non l’ho fatto di proposito, non sono quel tipo di uomo.” E così tutto quel dispendio di energie, parole, atti e promesse verrà gettato nel bidone sempre colmo e putrescente delle banalità, dove sarebbe dovuto sempre stare. Continua a leggere su Mel@Cotogna

mercoledì 21 settembre 2016

Buon Fertility Day a tutti.



Marco Terribili
Perché il Ministero della Salute ha dovuto fare dietro-front sul Fertility Day, per com’era stato concepito in principio?
Perché l’intellighenzia italiana non ha saputo coglierne il lato creativo e poliedrico. 
Si prenda, ad esempio, l’insalata di riso! 
Non si può dire “andiamo al mare, ma prepariamo l’insalata di riso, così non spendiamo inutilmente soldi al baracchino dei panini” e poi salire in cattedra e dire “i wurstel li fanno coi topi”, “il mais lo coltivano a Chernobyl”, “la maionese ha il 65% di grassi”, eccetera, eccetera. Continua a leggere su Postik

mercoledì 14 settembre 2016

774 milioni di analfabeti nel mondo.Due terzi sono donne



Detto questo vanno anche ricordati i segnali allarmanti lanciati dall’Unesco in occasione della Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione l’8 settembre scorso. Nel mondo, circa 774 milioni di persone sono analfabete e tra queste due su tre sono donne. Circa un sesto della popolazione mondiale non sa leggere, né scrivere o far di conto e due terzi sono donne. Oggi, nel 2016, su scala mondiale siamo dunque davanti ad una condizione a dir poco inaccettabile. Continua a leggere su Postik