In Verità

In Verità

giovedì 30 luglio 2015

Uno per tutti, tutti per Azzollini



Un inquisito per bancarotta fraudolenta e – ricordiamolo – per la maxitruffa del mai realizzato porto di Molfetta è “Presidente della Commissione bilancio del Senato”. Chi meglio di lui? Solo Razzi alla Presidenza della Commissione Cultura! E’ un po’ come se zio Paperone assumesse la Banda Bassotti come Security della sua cassaforte, ma va bene così … dopo lo sdoganamento berlusconiano tutto è possibile! Continua a Leggere su Postik

mercoledì 29 luglio 2015

Come rispondono Verdini e D'Anna alle domande scomode? "Comunista Disonesto e un po' Str... "



Così viene trattato un giornalista dell’Huffington Post dalla coppia di Senatori della Repubblica Verdini e D'Anna durante la presentazione del nuovo Gruppo Parlamentare Ala (destinato a sostenere il Governo da destra). Non si possono fare domande scomode, non ci sono abituati. I capofila della nuova Brigata pro-Renzi superano a pieni voti l'esame antidemocratico al grido innervosito di: "Piccolo comunista disonesto e un po' str..." 




"Nel corso della conferenza stampa nella sala Nassiriya del Senato, l’HuffPost aveva rivolto questa domanda: “I vostri nomi e le vostre storie per un pezzo della sinistra, come emerge dalle dichiarazioni di Speranza, sono imbarazzanti perché legate a Berlusconi, Cosentino e Lombardo. Non temete che, voi che dite di sostenere Renzi, in fondo lo danneggiate?”. Si percepisce una certa insofferenza. Con Verdini che, più volte, bolla come fantasie gli articoli del giornale. Anche quella cena tra lo stesso Verdini e Luca Lotti di qualche giorno fa, mai smentita. Dice Verdini: “È vero, eravamo nello stesso ristorante, ma non allo stesso tavolo. Lei scrive fantasie. E le dice anche in tv da Santoro”. Risate generali. Anche l’ex plenipotenziario berlusconiano appare meno spiritoso del solito. Bollando come “fantasie” notizie mai smentite e verificate, secondo la migliore del ventennio berlusconiano, dove tutte le verità scomode venivano derubricate a fantasie create con obiettivi politici, nella costante mancanza di rispetto verso la libertà di stampa.." Fonte  Alessandro De Angelis Huffington Post

Lo Sguardo del Tatto. Creato bassorilievo per non vedenti della Fornarina di Raffaello

Raffaello Sanzio, La Fornarina (Margherita Luti?) 1518-19
Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini, Roma

Si tratta di un bassorilievo tattile in vetroresina (dimensioni cm 70x50) realizzato nell'ambito del progetto 'Aggiungi un senso all'Arte', campagna promossa dalla Fondazione Citta' Italia per favorire l'accessibilita' e la fruizione del patrimonio culturale ai visitatori con disabilita' visive.

Breviario di biliardino semplificato per Matteo Renzi


Nello sguardo imbarazzato della militante possiamo quasi intuire i suoi pensieri: “Scusate devo scappare, ho il gatto in crisi di identità! Abbaia e pisca alzando la gamba … e la cosa peggiore  è che è femmina!  Quante arrampicate libere sugli specchi per lasciare a intendere un  semplice e più esplicativo: “mejoo morì nell’olio de e frappe che salutà quea busta de fave!” Continua a Leggere su PostikPolitica

martedì 28 luglio 2015

Dati Istat: sprofonda la fiducia dei consumatori e delle imprese


fonte Giornalettismo
L’Istat precisa che la fiducia dei consumatori scende in tutte le componenti, con cali più marcati per il clima economico e per quello futuro e più contenuti invece per il clima personale e quello corrente. Peggiorano rispetto a giugno anche i giudizi dei consumatori sulla situazione economica del Paese. Il saldo delle attese sulla disoccupazione aumenta per la crescita delle quote di coloro che si attendono un aumento consistente o lieve del numero dei disoccupati. Peggiorano inoltre i giudizi e le attese sulla situazione economica delle famiglie. leggi su Giornalettismo  

Ministro Lorenzin: no tagli alla Salute ma solo "opere di bene"!


[...]siamo davanti a dei taglitagli che, oltretutto, non assicurano un miglioramento dei servizi, anzi forse l’esatto opposto, e che non garantiscono in modo certo una razionalizzazione delle spese se non sulla carta. In fondo la strada intrapresa dal governo nei confronti della Sanità è sospettosamente contorta e poco razionale. Infatti invece di intervenire in modo diretto e puntuale sulle fonti di spreco e corruzione si è preferito agire creando altri organismi di controllo (nuove voci di spesa quindi) e con degli interventi che andranno a pesare quasi esclusivamente sui servizi al cittadino. L’unica conclusione a cui possiamo arrivare non può che tradursi in un augurio: la speranza che stiamo tutti in salute … ci conviene! continua a leggere su Ultima Voce

Grimani, un provocatore alla Biennale: esposto un cartone da imballaggio


Al posto dell'opera che aveva annunciato, un televisore trasformato in sedia per disabili, ha deciso di spedire e poi di esporre lo scatolone che avrebbe dovuto contenerla. Cosi' nei giorni scorsi Wright Grimani ha risposto all'invito dei padiglioni Guatemala e Grenada presenti alla 56 edizione della Biennale di Venezia. Nel cubo di cartone di 50 centimetri per lato e perfettamente imballato gli organizzatori non ci hanno trovato niente. Leggi la notizia su AgiArte

La Naia del precario della #buonascuola


“Basta supplentite”! Tuona indignato il nostro premier. Anzi, viste le recenti performance, probabilmente il Renzone nazionale biascicherebbe: “no more supplentait! E lo direbbe più volte, orgoglioso, tra uno “shishish” e un “dedededede”.  Quali le regole della “naia del professore”? Poche ma confuse! Ogni malcapitato docente compilerà una domanda in cui inserirà tutte le province italiane; il “sistema”, poi, deciderà dove e quando avverrà il trasferimento. continua a leggere su Postik

lunedì 27 luglio 2015

Spider all'apertura del Mudec Art Wall


fonte AdnKronos 
In programma fino al 10 settembre. Mudec Art Wall è uno spazio dedicato all’arte contemporanea, con brevi istantanee del lavoro di artisti viventi. Un osservatorio sulle proposte cutting edge sviluppato in collaborazione con gallerie d’arte italiane e internazionali: un’estensione del Mudec Design Store, già riferimento per il design di ricerca, intersezione fra più linguaggi espressivi. Leggi dell'evento su AdnKronosArte 
Spider (Daniele Melani) Mano di Ferro

domenica 26 luglio 2015

Pompei, scavi chiusi per assemblea Sindacale


AdnKronos

Parlando all'Adnkronos, Giuseppe Visciano dell'Unsa Beni culturali sottolinea invece che "l'assemblea non era a 'sorpresa' ma è stata annunciata al soprintendente di Pompei, Massimo Osanna, che ci ha concesso l'agibilità e la disponibilità dell'Auditorium. Continueremo, anche nel mese di agosto, a tenere le nostre assemblee sindacali proclamandole con tre giorni di anticipo, secondo le regole". Continua a leggere su AdnKronos Cultura 

Scuderie del Quirinale, Arte della Civiltà Islamica, La Collezione al-Sabah, Kuwait


Arte della Civiltà Islamica. La Collezione al-Sabah, Kuwait in mostra alle Scuderie del Quirinale dal 25 luglio al 20 settembre 2015. (Fonte Romeguide.it)

Ha un'anima plurale l'Islam, il cui variegato universo è composto da una rete di mondi affascinanti e complessi: ne è una prova l'esposizione "Arte della civiltà islamica", allestita alle Scuderie del Quirinale dal 25 luglio al 20 settembre. Al centro la prestigiosa collezione al-Sabah proveniente dal Kuwait e nata nel 1975 per iniziativa della sceicca Hussah Sabah al-Salem al-Sabah e di suo marito, lo sceicco Nasser Sabah al-Ahmed al-Sabah. Una grande mostra - i cui valori assicurativi ammontano a 43 milioni di sterline - che sancisce l'amicizia tra Italia e Kuwait e che è stata visitata anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Due le sezioni per oltre 350 opere, tra tappeti e tessuti, pagine del Corano e manoscritti, capitelli, lastre di marmo e fregi lignei, con approfondimenti sulla calligrafia, l'arte geometrica e quella dell'arabesco, i gioielli e soprattutto sulla figura umana, a smentire il falso mito dell'iconoclastia islamica
Continua a leggere su AnsaCultura

sabato 25 luglio 2015

Quante coincidenze in Italia, ddl intercettazioni


Strane coincidenze ultimamente sulle intercettazioni; ma ci mancherebbe! Niente più di questo. Mica vogliamo pensar male? Apre le porte al Ddl sulle intercettazioni il caso Crocetta. La telefonata tra lui e Tudino c’è stata o non c’è stata? L’espresso dice di sì, le procure siciliane dichiarano di non avere agli atti un’intercettazione dove il medico, ora in carcere, confida al Governatore della Sicilia che Lucia Borsellino  deve fare la fine del padre. Intanto il caso c’è, i dubbi permangono e Renzi sembra voler scaricare Crocetta per piazzare uno dei suoi. Quando la democrazia non c’è Faraone balla! Continua a leggere su Ultima Voce

Verdini padre e patrigno del trasformismo


Dalle varie contesse Servelloni Mazzanti Vien dal Mare di fantozziana memoria ai cosentiniani, passando anche per il cane Ivan il Terribile trentaduesimo non se ne fa scappare uno. Insomma, tutte le bestie che contano le conosce lui! Leggi l'articolo su Postikpolitica

venerdì 24 luglio 2015

Le Femmes, Modigliani celebrato all'Agorà Morelli di Napoli


Jeanne Hébuterne

La mostra all'Agorà Morelli
Amedeo Modigliani è celebre per i suoi ritratti di donne dal collo affusolato e queste sue "femmes" saranno al centro della mostra aperta sino al 9 Agosto all'Agorà Morelli, in cui saranno esposte 50 opere del grande artista riprodotte digitalmente. Arte e tecnologia si uniscono in un insieme di colori, soggetti e giochi di luce per rendere fruibile al grande pubblico la produzione artistica di uno dei più grandi pittori italiani del 900. (Fonte Virgilio Eventi)
"In occasione e in preparazione del centenario della morte del grande Artista livornese (1920-2020), l’Istituto Amedeo Modigliani presenta la prima sezione di un’opera di altissimo valore e pregio, mai rappresentata e organizzata prima, sull’intera produzione artistica di Modigliani, dal titolo: “Les Femmes”, interamente realizzata con l’ausilio delle moderne tecnologie.La mostra presenta 50 opere di Amedeo Modigliani, delle quali l’Istituto possiede i diritti di utilizzo riprodotte ad altissima definizione su uno speciale supporto montato su pannelli retoilluminati a LED, grazie a un processo che ha consentito l’assoluto rispetto delle dimensioni e dei colori dell’originale."  Leggi su mostramodigliani.com

Maichelangelo??


Così, davanti a un Benjamin Netanyahu incredulo e costretto a darsi pizzichi sulla pancia per non ridere, il nostro Matteone nazionale fa diventare il David di Michelangelo nientepopodimeno che Devid di Maichelangelo. Di botto Casa Buonarroti si sposta dalla vergogna ad Oslo e in un sonetto di Michelangelo appare scritto: io non sono di qui! Ops scusate “Maichelangelo! Du iu not Maichelangelo? You are ignorant allora!” Continua a Leggere su Ultima Voce 

Un incendio manda in fumo la Cleprin, Azienda che combatte la Camorra nel casertano


di Stefania Carbonia, fonte Giornalettissimo 


Poche ore prima l'azienda di Antonio Picascia fu elogiata dal presidente dell'Anac Raffaele Cantone a Maiano di Sessa Aurunca. L'uomo riuscì a mandare alla sbarra quattro esponenti del clan Esposito. Continua a leggere su Giornalettissimo

giovedì 23 luglio 2015

I Calami

Degas, Nudo

[...]mio, quel che c’innamora
nell’avanzare di un bimbo, ancora
e versi di pietra
e il ramo che li impicca.[...]

Sandra Ballardini  Continua a leggere su PostikPoesia

I disegni del cinema italiano. Cagliari, Palazzo di Città.


Federico Fellini, disegno di Ettore Scola 

“Il Di/segno del Cinema” - mostra affabulatoria e affascinate che dal 23 luglio al 27 settembre si terrà a Cagliari, nel Palazzo di Città, promossa dal Comune e dai Musei Civici di Cagliari nell’ambito del programma “Cagliari Capitale della Cultura 2015”, curata da Giovanni Columbu, Anna Maria Montaldo e Giona A. Nazzaro - riconduce all’origine dell’atto creativo, al formarsi dell’idea, indagando in forma inedita il rapporto tra segno grafico e segno cinematografico e tra diverse espressioni, o meglio di/segni, dell’immaginario; racconta il momento in cui il cinema comincia ad esistere come pensiero e come forma e gli esiti cui può dare luogo. Continua a leggere l'articolo su Arte.it

mercoledì 22 luglio 2015

La Grecia svende il suo patrimonio: isole,edifici e porti


Il governo di Tspiras spera di raccogliere 50 miliardi di euro chiesti dall'Europa con la vendita di beni pubblici. 
fonte redazione Giornalettissimo

La Grecia non ha più soldi, ma dispone ancora di un vasto patrimonio che il governo di Alexis Tsipras ha promesso ai Paesi creditori di vendere come garanzia sui prestiti ricevuti nel terzo programma di salvataggio. La lista degli asset della Grecia è assai numerosa, anche se nei cinque anni di assistenza finanziaria le privatizzazioni tentate dai vari governi di Atene hanno dato esiti deludenti. Continua a leggere l'articolo su Giornalettissimo

martedì 21 luglio 2015

Il ganzo sgasa senza il grano... e chi glielo da???


Dunque i dubbi restano: va bene la televendita, vanno bene le offerte speciali che, in pieno stile berlusconiano, si tramuteranno in “pacchi”, ma i soldi … a Renzi … chi glieli dà? Questa domanda, non so perché, mi inquieta un po’!  continua a leggere su Postik 

lunedì 20 luglio 2015

La Villa d'otium di Cicerone a Formia rischia il crollo


Fonte Ansa 
Luogo del cuore di uno dei più grandi pensatori della Roma antica, che poco distante volle seppellirvi anche l'amata figlia Tulliola. E, in tempi più recenti, pure di Ferdinando II di Borbone, che qui trascorreva molto del suo tempo. Eppure oggi è condannata al degrado. ''Non si può perdere un tale gioiello solo perché insiste su una proprietà privata: aiutateci a salvare la Villa di Cicerone, prima che crolli giù tutto''. L'appello arriva diretto dal sindaco di Formia (Lt), Sandro Bartolomeo, dal cuore di quella terra affacciata sul Golfo di Gaeta dove duemila anni fa i Romani usavano dare sfoggio di potere e ricchezza a suon di dimore, affreschi e innovazioni architettoniche. Leggi la notizia su AnsaCultura

No alla Cessione di HP Pozzuoli


Questa volta a contribuire alla progressiva “desertificazione” di uno dei poli industriali più importanti del sud Italia è lo stabilimento dell’Hp di Pozzuoli
L’azienda, presente sul territorio da decenni, rappresenta un’eccellenza nei settori dell’informatica e della sicurezza webcon standard qualitativi di alto profilo e competenze riconosciute anche da collaborazioni con varie istituzioni pubbliche come Inps, Inail e i ministeri dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca. Continua a leggere su Postik

sabato 18 luglio 2015

Zitto e Paga!!




La Cancellierona ha fatto un discorso duro: è cazzuta e fa piangere i bambini mussulmani … in pratica è la donna ideale di Salvini:  “Nessun taglio del debito per la Grecial’Haircut paventato dalla Lagarde è pura utopia. Non scherziamo, l’umiliazione deve essere totale e spietata  solo così sarà di esempio per tutti. continua a leggere su Postik

Via D'Amelio 23 anni dopo




Tante polemiche nel giorno in cui persero la vita il magistrato italiano Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Agostino CatalanoEmanuela LoiVincenzo Li MuliWalter Eddie Cosina e Claudio Traina. 
Fonte Ansa 
L'invito a non farsi vedere alle commemorazioni del 23/o anniversario dell'assassinio di Paolo Borsellino gli era stato mandato per sms. Poche righe, l'essenziale perché capisse che non era ospite gradito, "firmate" da Rita, la sorella del magistrato ucciso da Cosa nostra. Non si sa se e cosa abbia risposto Rosario Crocetta, governatore siciliano arrivato a un passo dalle dimissioni per la pubblicazione sull'Espresso di una presunta intercettazione choc in cui il suo interlocutore, il medico Matteo Tutino, augurava all'ex assessore Lucia Borsellino di fare "la fine del padre". Di certo, nonostante la smentita dei pm del capoluogo, tornati a ribadire che della conversazione nelle inchieste della Procura non c'è traccia - ma il direttore dell'Espresso ha di nuovo confermato che la telefonata c'è -, si è chiuso in un silenzio che lui stesso definisce "totale". Continua a leggere su Ansa.it  

venerdì 17 luglio 2015

Lega Dilettantistica Ellenica Tsipras ... ce lo dice Di Battista.


Dalle nostre parti il provinciale accanimento dei mediocri si sprecaSalvini macina consensi sulla pelle degli immigrati, sfruttando timori amplificati ad hoc dai media, Renzi perde terreno perché col caldo inizia a vedersi la faccia della Merkel sotto quel suo sorriso impomatato e stopposo da inguaribile ottimista made in troika (falso come i soldi del Monopoli), e adesso anche Alessandro di Battista lavora di fino per rinforzare le sue pallide doti da retore populista, “disvelando” ancor più quella tipica megalomania di matrice “nazionalperacottara”   che va tanto di moda oggi. Continua a leggere su Ultima Voce

giovedì 16 luglio 2015

#Greekment, la web satira si scatena contro la Merkel


[...]Fertilissimo anche come materiale per i vignettisti, il compromesso ha prodotto una serie di caricature che coprono tutti i sentimenti umani che si possono provare di fronte alla crisi greca, da compassione a criticismo caustico, il secondo diretto principalmente a uno dei protagonisti indiscussi di questa vicenda, Angela Merkel. Leggi l'articolo e guarda le vignette su L'Huffington Post 

Casa del Mantegna Mantova "Solo Anima", 50 opere di Giampaolo Talani


"Solo Anima" è il titolo della personale con la quale l'artista Giampaolo Talani per la prima volta espone nella città di Mantova, la stessa dove vinse, giovanissimo, il premio Lubiam di pittura nel lontano 1979. La mostra, a cura di Giammarco Puntelli, si svolgerà alla Casa del Mantegna dal 17 luglio al 16 agosto. Si tratta di un appuntamento particolarmente importante per l’artista toscano, noto in Italia e all’estero per i molteplici ed impegnativi progetti istituzionali che ha condotto a termine.  Leggi la notizia su AdnKronos Arte 

Il chirurgo Matteo Tutino al presidente Crocetta: "La Borsellino va fatta fuori come il padre"


fonte Live Sicilia

In una intercettazione pubblicata dal settimanale L'Espresso emergono le parole che il chirurgo estetico amico del governatore avrebbe pronunciato riguardo all'allora assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino. In quella telefonata, secondo L'Espresso, il presidente della Regione "non si indigna" e "non replica" alle frasi del medico. 
Leggi l'articolo di Piero Messina e Maurizio Zoppi su L'Espresso 

mercoledì 15 luglio 2015

Faccio tardi ... Salvo il Mondo!!!!



A dire il vero Renzi non era al tavolo delle trattative dell’Eurogruppo – lo si può notare dalle foto – però dobbiamo dire che era in zona, nelle immediate vicinanze insomma: nello stanzino bar accanto a preparare il caffè, mentre la Mogherini col vassoio in mano gli dava addosso: “Fai presto sennò si incazzano! Stavolta ricordati che la Merkel lo vuole macchiato senza schiuma, non come l’altra volta nero con due zollette! E a Schäuble disegnagli le SS col cacao sulla schiumetta sennò quello me lo tira addosso come l’altra volta e mi insegue con quella malefica sedia per tutto l’europarlamento! Stanotte gli stacco le pile! A Tsipras pane e acqua! E la prossima volta che vuoi propormi come ministro degli esteri europeo fammi la cortesia di farti i cazzi tuoi!”
Continua a leggere l'articolo su Postik 

Con L'inquilino Renzi a Palazzo Chigi sono lievitati i costi.


di  il Fatto Quotidiano

Non sarà ricordato per i successi in politica estera e forse neppureper quelli nel campo dell’economiaCertamente Matteo Renzinon passerà nei libri di storia per i risultati sul fronte dei costi di Palazzo Chigi, dove vive e governa dal 22 febbraio 2014 e, almeno nel primo anno di gestione diretta, ha fatto peggio del predecessore Enrico Letta. Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

martedì 14 luglio 2015

Il Peggio non se la poteva cavare meglio!

Sparta www.maurobiani.it Il Manifesto

Certo si potevano alleggerire le pressioni fiscali degli insolventi diminuendo la corruzione e l’evasione fiscale, combattendo le criminalità organizzate (i cui guadagni invece sono entrati come segno positivo nelle voci dei Pil per gonfiarli artificiosamente), o abbattendo le spese delle classi politiche tanto incapaci quanto strapagate, ma a quel punto sarebbero cadute troppe teste – forse tutte o quasi – e non si potevano alzare vespai di questa portata senza che succedesse un 48’! Anche qui l’opinione pubblica latita in modo imbarazzante, ma non è servilismo sia ben chiaro … è prudenza! Meglio nascondere tutto sotto il tappeto … altrimenti salta tutto. Allora conviene così: restiamo ignoranti, malgovernati beotamente disinformati.  ....continua a leggere su UltimaVoce

Salta fuori un'opera di Rodin rubata nel 1991

La scultura di Rodin tornata al suo legittimo proprietario


I ladri erano entrati nella casa, approfittando dell'assenza dei proprietari, grazie all'aiuto di uno dei dipendenti dei padroni di casa, che aveva avuto 5mila dollari in cambio delle chiavi della villa. Oltre alla scultura, i malviventi avevano portato via anche altre opere d'arte per un valore complessivo pari a circa 1 milione di dollari. L'uomo è stato successivamente arrestato ma dei ladri non si è più saputo nulla. Leggi l'articolo su AdnKronos Cultura 

Ora cerchiamo la clemenza alla feroce Europa

Quindi anche la romantica teoria di una Grecia da tutelare per la sua nobiltà civile e storica si macchia di neocolonialistica ipocrisia . Una retorica mediatica mossa esclusivamente dalla volontà di coprire – con un velo di opportunistico e diffuso  pseudoculturalismo da peracottari, l’ avvenuta e intimorita accettazione nei confronti di un’ingiustizia assoluta. Infatti appena l’Ue ha mostrato i denti tutte le apologie e le speranze di coloro che millantavano un cambiamento si sono subito tradotte in  un greggescosono più forti loro, non c’è niente da fare! Così vanno le cose, il mondo è ingiusto e poi è colpa di Tsipras che si è arreso e ha avuto paura.”  Continua a leggere su Postik

lunedì 13 luglio 2015

Pubblicazione dell'Accordo tra Ue e Grecia

"A fronte di ciò, nessun taglio del debito - come chiedeva Alexis Tsipras -, bensì una revisione delle scadenze di rimborso dei prestiti - si dice da 30 a 60 anni - se e quando il piano delle riforme sarà operativo.
Un piano di riforme, questo, che dovrà essere votato entro tre giorni dal parlamento greco e che, sempre stando alle indiscrezioni, prevede la riforma dell'Iva, delle pensioni, del codice di procedura civile e dell'accesso ai mercati. Vi sarà poi un processo automatico di revisione delle spesa, anche se è ancora tutto da capire quanti miliardi varrà. 
Il fondo fiduciario, infine. Che sarà un fondo in cui la Grecia conferirà i proventi per le privatizzazioni statali fino a 50 miliardi di euro, proventi che saranno reinvestiti immediatamente per la crescita greca. Tale fondo, a differenza di quanto richiesto dall’Eurogruppo, non avrà sede in Lussemburgo, bensì ad Atene. Ad Atene, tuttavia, tornerà la Troika, che vigilerà sull’applicazione delle riforme concordate da Tsipras coi partner europei."

Blog di Varoufakis le vere ragioni del No della Germania



Nella mia prima settimana come ministro delle finanze sono stato visitato da Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo (i ministri delle finanze della zona euro), che mi sottopose una scelta netta: accettare la “logica” del piano di salvataggio e rinunciare a qualsiasi richiesta di ristrutturazione del debito o il vostro accordo di prestito farà “Crash” – la ripercussione non detta era che le banche della Grecia sarebbero state chiuse. Continua a leggere l'articolo su EssereSinistra

domenica 12 luglio 2015

Dove non finisce nemmeno il cielo


Noi
che facciamo le fusa alle parole
e lasciamo che precipitino
lentamente nel mondo
ancheggiamo da sempre
sulle ringhiere più strette
nelle notti più buie
sui tetti più alti
dove non finisce nemmeno il cielo[...]
Sandra Ballardini   leggi la poesia di Sandra Ballardini su Postik

sabato 11 luglio 2015

Piano Grecia di Tsipras: dalla Padella a Schäuble



[...]Così scopriamo che mentre Tsipras cerca di racimolare briciole la Germania taglia il debito pubblico dell’Austria di 1, 45 miliardi di euro – qui è opportuno rammentare che la Grecia ha rischiato il default per soli 150 milioni di euro in più –, e che  Varoufakis punta il dito verso Schauble; infatti quest’ultimo,   secondo l’ex ministro delle finanze greco,  gradirebbe non poco il Grexit, sia perché oramai Atene è divenuta un peso inutile e costoso e sia perché il default greco servirebbe da monito ad una Francia non sempre allineata verso il rigore e la disciplina dettati dall’ Esm. Continua a Leggere L'articolo su UltimaVoce

venerdì 10 luglio 2015

Se Telefonando.......



Bonnie&Clyde sono uniti da un’ossessione comune: annientare tutto quello che c’è di sinistra in Italia. Ovvio che nel circondario hanno gioco facile, è un po’ come rubare soldi a un Marino; anche se adesso temo per l’unico baluardo dell’egualitarismo riformista rimasto in piedi nello stivale … il Papa!  leggi l'articolo su UltimaVoce

Renzi che intrallazza con un generale della finanza per far cadere Letta



Di Andrea Mollica
Enrico Letta un incapace da rimuovere da Palazzo Chigi, con un possibile accordo da siglare con Silvio Berlusconi. Matteo Renzi ha anticipato il suo piano per diventare presidente del Consiglio l’11 gennaio del 2014, nel corso di un colloquio con il generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi. Il “Fatto Quotidiano” Fatto quotidianodiffonde venerdì 10 luglio un’intercettazione che è stata registrata nel corso dell’inchiesta relativa alla CPL Concordia. Continua a leggere sul Blog di Gad Lerner